SI RACCONTA LE NOVELLE DEL BOCCACCIO

testo



Da dieci anni l'Oranona Teatro dirige, in collaborazione con il Comune di Certaldo e l'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, la rassegna di letture filologiche dal Decameron "Si racconta le novelle del Boccaccio", in scena ogni secondo venerdì del mese in Casa del Boccaccio. Le caratteristiche di questo ambiente così suggestivo e raccolto contribuiscono alla concentrazione per un testo che non è semplice da comprendere. Ma se la lettura delle novelle da parte di un “comune mortale” appare difficoltosa, l’ascolto, con l’aiuto delle pause giuste, della maschera facciale e della musica dal vivo rende tutto più chiaro e godibile.
I brani musicali che accompagnano le letture sono appositamente composti dal M° Damiano Santini.



PROSSIMI APPUNTAMENTI
Ogni secondo venerdì del mese, presso Casa del Boccaccio, Certaldo Alto, ore 21,30

Venerdì 11 ottobre, ore 21.30
Giornata I, Novella 1
“Ser Cepparello con una falsa confessione inganna un santo frate e muorsi; e, essendo stato un pessimo uomo in vita, è morto reputato per santo e chiamato san Ciappelletto.”

Venerdì 8 novembre, ore 21.30
Giornata I, Novella 2 e 3
S“Abraam giudeo, da Giannotto di Civignì stimolato, va in corte di Roma; e, veduta la malvagità de' cherici, torna a Parigi e fassi cristiano.”

“Melchisedech giudeo con una novella di tre anella cessa un gran pericolo dal Saladino apparecchiatogli.”

Venerdì 13 dicembre, ore 21.30
Giornata I, Novella 4 e 5
“Un monaco, caduto in peccato degno di gravissima punizione, onestamente rimproverando al suo abate quella medesima colpa, si libera dalla pena.”

“La marchesana di Monferrato con un convito di galline e con alquante leggiadre parolette reprime il folle amore del re di Francia.”

Venerdì 10 gennaio, ore 21.30
Giornata I, Novella 6 e 7
“Confonde un valente uomo con un bel detto la malvagia ipocresia de' religiosi.”

“Bergamino con una novella di Primasso e dello abate di Clignì onestamente morde una avarizia nuova venuta in messer Can della Scala.”

Venerdì 14 febbraio, ore 21.30
Giornata I, Novella 8, 9 e 10
“Guglielmo Borsiere con leggiadre parole trafigge l'avarizia di messer Ermino de' Grimaldi. ”

“Il re di Cipri, da una donna di Guascogna trafitto, di cattivo valoroso diviene. ”

“Maestro Alberto da Bologna onestamente fa vergognare una donna, la quale lui d'esser di lei innamorato voleva far vergognare. “

Venerdì 13 marzo, ore 21.30
Giornata II, Novella 1
“Martellino, infignendosi attratto, sopra santo Arrigo fa vista di guarire, e, conosciuto il suo inganno, è battuto, e poi, preso e in pericolo venuto d'esser impiccato per la gola, ultimamente scampa.”

Venerdì 10 aprile, ore 21.30
Giornata II, Novella 2
“Rinaldo d'Asti, rubato, capita a Castel Guiglielmo ed è albergato da una donna vedova e, de' suoi danni ristorato, sano e salvo si torna a casa sua."

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

www.oranona.it